Progetto Vademecum per l’Europa
Home » Notizie » Progetto Vademecum per l’Europa
 

Traduci in

Italian English French German Polish Romanian Spanish

Registro elettronico

L'Officina dei Saperi

POR FESR Sicilia

European Quality Label

La Scuola in Chiaro

Login




Progetto Vademecum per l’Europa PDF
Scritto da Administrator   
Martedì 09 Dicembre 2014 22:25
Hits

Si rende noto,  con il seguente comunicato, un’importante iniziativa culturale che coinvolge due classi della nostra scuola (la 3 C e la 3 E) impegnate nella realizzazione del progetto curriculare “VADEMECUM PER L’EUROPA”.

L’evento, in particolare, di cui si dà notizia, si svolgerà domani, mercoledì 10 Dicembre 2014, Giornata mondiale dei diritti dell’uomo, un’occasione preziosa per sottolineare il valore altamente  educativo del Progetto.

Alla lezione che si svolgerà presso l’aula della 3 E, presenzieranno: il Dirigente scolastico, V. Casa, La Presidente Regionale del M.C.L.,  A. M. Manno

COMUNICATO  STAMPA

Progetto Vademecum per l’Europa

Nella Giornata mondiale dei diritti dell’uomo, il 10 dicembre, gli alunni della scuola Cirincione avviano il progetto Vademecum per l’Europa con una lezione in lingua Mandinga.

Alla lezione, che può essere sicuramente considerata la prima assoluta in Italia, prenderanno parte: la dirigente,  dott.ssa Vittoria Casa, le maestre T. Gallina e  V. Ventimiglia  ( coordinatrici del progetto all’interno della scuola) ,  la Presidente regionale del Movimento Cristiano Lavoratori, Anna Maria Manno, la coordinatrice del gruppo traduttori, dottoressa Laura Mendola ed il coordinatore del progetto, prof. Paolo Buzzanca.

Il progetto, che si avvale del lavoro di volontari che operano in diverse regioni d’Italia in collaborazione con il Movimento Cristiano Lavoratori (M.C.L.), vede la partecipazione, oltre alla scuola Cirincione, dell’Istituto Onnicomprensivo di Tempio Pausania (Sassari) ed ha come finalità la realizzazione e la pubblicazione di un testo plurilingue che possa servire da strumento didattico pedagogico nelle Comunità di prima accoglienza per migranti minori non accompagnati provenienti dai Paesi africani  e per i profughi orientali di lingua persiana.

Il testo, attraverso una serie di parole di riferimento, mira ad illustrare i valori, le abitudini, le regole della nostra società, sottolineando l’importanza della democrazia, dei diritti e del rispetto della persona, della parità di diritti e di dignità fra uomo e donna, della struttura monogamica della famiglia.

I bambini delle classi 3 C e 3 E della  scuola di Bagheria, di questo testo, cureranno la parte iconografica, illustrando con disegni pertinenti le singole voci, al fine di rendere più accattivante e più facile la fruizione del messaggio.

Fra le versioni del testo sono particolarmente rilevanti quelle in lingue africane, quali il Wolof, il Bambarà, il Soninghé ed il Mandinga, Ad eccezione del Wolof, che è una delle lingue ufficiali del Senegal, si tratta di lingue orali non ancora trascritte, in uso, a volte esclusivo (specialmente fra le popolazioni rurali dalle quali provengono numerosi migranti) in Senegal, Gambia, Guinea, Guinea Bissau, Mali, Mauritania, Costa d’Avorio, Burkina Faso, Serra Leone, Liberia.

 

Bagheria lì 9 dicembre 2014

Firmato

Dirigente Scolastico V. Casa

La Presidente Regionale del M.C.L. A. M. Manno

Ultimo aggiornamento Martedì 09 Dicembre 2014 22:34